Dietro i clown che stanno terrorizzando gli USA, c'è un italiano

Dietro la moda dei clown che stanno terrorizzando gli Stati Uniti ci sarebbe un italiano

Fonte: Facebook

Ci sarebbe un italiano dietro la moda dei clown che sta terrorizzando gli Stati Uniti. Negli ultimi mesi infatti negli USA ci sono stati diversi avvistamenti, persone che affermavano di essere state spaventate e aggrediti da clown che comparivano all’improvviso sulla loro strada. Il primo episodio sarebbe avvenuto lo scorso 30 agosto a Greenville, in South Carolina, dove diversi clown armati di coltello hanno tentato di attirare in un bosco alcuni bambini.

Pochi giorni dopo a Winston-Salem, in North Carolina, ci sono stati altri avvistamenti simili. Un uomo è stato minacciato da un clown armato di machete, una donna è stata inseguita da un pagliaccio, mentre dei bambini sono stati avvicinati da alcuni clown che volevano regalare loro delle caramelle.

In un mese gli avvistamenti si sono moltiplicati e sono stati segnalati in diversi stati, dalla Georgia, alla Florida, passando per la Virginia, il Kentucky e la Louisiana. Poco dopo i clown hanno iniziato a comparire anche nel Regno Unito con sette avvistamenti in una sola settimana. Dietro a questa moda ci sarebbe Matteo Moroni, un mito fra i prankaster.

Questo ragazzo perugino infatti di mestiere spaventa le persone, riprendendo gli scherzi con una fotocamera e postandoli su Youtube. Nel settore è noto come DM Pranks ed è stato il primo a travestirsi da clown per spaventare delle persone. Oggi il suo canale su YouTube conta oltre 4milioni e mezzo di iscritti, mentre su Facebook ha 600mila fan. “È diventata una specie di moda” ha spiegato il ragazzo, parlando della moda di travestirsi da clown e spaventare tutti “Hanno iniziato a fare questi video che per la maggior parte si vede che sono finti, ma la gente è in una condizione psicologica tale che se sta girando per strada e vede un clown impazzisce”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti