MyDX, il gadget che testa la qualità di acqua, aria, cibo e marijuana

MyDX è un interessante strumento che permette il test della marijuana sul mercato, per valutarne componenti, caratteristiche e qualità

Fonte: Flickr

È possibile fare rapidamente un test della marijuana, per valutare la sua qualità, la sua composizione e le eventuali controindicazioni, con uno strumento recentemente apparso sul mercato, il MyDX, piccolo congegno elettronico portatile, prodotto dalla CdX. Viene introdotto un metodo estremamente semplice per il test della cannabis, tramite un sensore, il CannaDx, che ne valuta, nel giro di pochi minuti, le potenzialità e le caratteristiche, permettendo l’applicazione di ulteriori interessanti funzioni.

Il sensore permette di fare un test completo della marijuana, con un metodo estremamente facile. MyDX, rileva la quantità dei componenti quali il THC (tetraidrocannabinolo), la sostanza chimica responsabile della maggior parte degli effetti psicotici sull’organismo, il CBD (cannabidiolo) e il CBN (cannabinolo), che non hanno effetti psicotici ma medici e terapeutici, così come il grado di concentrazione di circa 20 terpeni, che sono le sostanze aromatizzanti.

Il processo non si ferma al semplice profilo approfondito della marijuana e alla conseguente elaborazione di dati numerici, poiché essi vengono confrontati con una vasta banca dati che elabora un’ipotesi molto attendibile delle reazioni conseguenti al consumo, di quali benefici può apportare e quali problematiche risolvere, o i dolori che può calmare. L’intento è, oltre che di valutare le potenzialità pericolose, quello di fornire indicazioni e tracce per arrivare ad un profilo di sostanza più adatto alle esigenze di ogni singolo consumatore.

Il gadget MyDX avrà un’evoluzione, la versione MyDX2, con lo scopo di analizzare le proprietà dei cibi, dell’acqua e dell’aria. MyDx2 lavorerà con la stessa procedura e con la stessa filosofia, elaborando una serie di dati, che non saranno freddi e oggettivi ma verranno confrontati con un insieme di informazioni in vari database, per valutarne il rispetto di tutti i parametri di sicurezza. I risultati potranno essere visualizzati su smartphone nel giro di pochi minuti.

MyDX2 sembra un supporto tecnologico con potenzialità veramente utili, sempre che in pratica funzioni e soprattutto sia facile da utilizzare, ma il costo è elevato. Si fa l’ipotesi che inizialmente avrà un prezzo di 350 dollari pur con l’obbiettivo di arrivare a meno di 100. La filosofia della CdX è comunque che il MyDX2 possa essere utilizzato dal maggior numero di persone possibile per proteggersi dai danni ambientali e alimentari e di arrivare a fornire gratuitamente il dispositivo alle scuole.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti